Stelle Michelin: la grande cucina italiana porta i pantaloni

Lo chef italiano, specie se stellato, è maschio. I giudici del fenomeno Masterchef (che riprende a dicembre) sono tutti maschi. Le star della cucina ospitate in prima serata nei talk show sono sempre uomini, dai nostrani Gianfranco Vissani e Gualtiero Marchesi fino al fenomeno globale Jamie Oliver, passando per il molecolarista Ferran Adrià. Alle donne è riservato un ruolo più casalingo: nelle varie prove del cuoco dell’ora di pranzo, in cui di solito non si fa alta cucina, ma si va alla scoperta di ricette facili e veloci da portare in tavola per il resto della famiglia.

È solo una deviazione mediatica o le grandi cucine sono davvero dominio dei maschi? Per capirlo abbiamo trasformato in dati la Guida Michelin, una delle bibbie della ristorazione nel mondo. Tra una settimana uscirà l’edizione 2014, ma nell’edizione 2013, uscita all’inizio di novembre 2012, i ristoranti stellati in Italia sono 307. Quelli in cui troviamo una donna al comando sono solo 48, appena il 15,6%. Accanto a loro vi sono cinque ristoranti in cui la cucina è gestita contemporaneamente da una donna e un uomo: marito e moglie, o fratello e sorella. In sostanza appena più del 17%.

Per l’articolo in versione integrale e i grafici interattivi, oltre alla mappa vai su Data Wired.