Sequestro Green Hill: siamo vittime della bellezza e della tenerezza dei beagle?

La notizia è oramai di ieri sera, quando il Corpo Forestale dello Stato ha sequestrato gli stabilimenti della Green Hill, la nota azienda di Montichiari che si occupa dell’allevamento e della vendita di cani beagle a scopo di ricerca scientifica. Secondo quanto riportato dall’AGI, ci sono”tre persone indagate in concorso fra loro per il reato di maltrattamento di animali (art.544 ter cp)”. Soddisfatti gli animalisti della LAV che hanno contribuito a mantenere alta l’attenzione sull’unica azienda italiana che si occupi di questo tipo particolare di allevamento. Un po’ meno i ricercatori, con toni anche troppo apocalittici (Silvio Garattini, Istituto Mario Negri di Milano:”Addio alla ricerca scientifica”).

Leggi il resto: http://www.linkiesta.it/blogs/fatti-di-scienza/sequestro-green-hill-siamo-vittime-della-bellezza-e-della-tenerezza-dei-beagl#ixzz24T4ub6tS

Con un po’ di saliva il test genetico va giù

Le frontiere della genomica, dalla vita artificiale passando per il Progetto Genoma Umano e la doppia elica scoperta da Francis Crick e James Watson. E’ la vita dello scienziato e imprenditore Craig Venter. Ma la genomica oggi sta anche diventando un prodotto di consumo: ce lo racconta Sergio Pistoi, che ha usato in prima persona uno di questi prodotti e lo ha raccontato in un libro.

Puntata di Pigreco Party del 17 luglio 2012 andata in onda su rcdc.it

Ascolta tutta la trasmissione su fmblue

Venter, l’imprenditore scienziato che gioca a fare Dio

Craig Venter, scienziato e imprenditore americano, spiega che ormai siamo entrati nell’era della biologia digitale. È ormai possibile «progettare in laboratorio cellule che non esistono in natura, proprio come farebbe un architetto o un ingegnere, per poi farle diventare reali». Il Venter Institute sta mettendo a punto un metodo rapidissimo per contrastare le epidemie di influenza.

Le aziende italiane che hanno permesso di scoprire il bosone di Higgs

Il 4 luglio 2012 è un giorno che verrà ricordato nei libri di storia della scienza per l’annuncio della scoperta del bosone di Higgs. Ma tolto il valore scientifico e intellettuale dell’impresa, lo sforzo economico è giustificato? Qual è il ritorno per un Paese che, come l’Italia, sta attraversando una crisi così forte? Ecco le aziende italiane che hanno lavorato al progetto.

Ecco la “particella di Dio”, il tassello all’origine di tutto

La particella di Dio esiste. Dopo 50 anni di ricerche difficoltose, smentite e ritardi, oggi dal Cern arriva la conferma che il bosone di Higgs è stato “catturato”. Ultima particella prevista dal Modello Standard, conferma l’esistenza di tutte le altre, sostiene il modello stesso, concepito dai fisici per spiegare l’origine dell’universo. E adesso? Il bello è appena cominciato.

InfoAmazonia: per preservare la foresta, condividiamola in rete

È online una piattaforma che raccoglie e geolocalizza le storie degli utenti sull’Amazzonia per monitorarne lo stato di salute in tempo reale e combattere il rischio di deforestazione

Nonostante l’attenzione mondiale dovuta al recente Earth Summit di Rio de Janeiro, il rischio che una deforestazione incontrollata continui silenziosamente a erodere terreno ai 5 milioni e mezzo di chilometri quadrati della più grande foresta pluviale del mondo è reale oggi come negli anni Settanta. Perché l’attenzione rimanga alta bisogna pensare a idee innovative per raccontare e rendere visibile la deforestazione, la perdita di biodiversità e i contrasti tra multinazionali e popolazioni indigene.

Leggi il resto su life.wired.it

La giungla delle normative antisismiche: una storia italiana

Fin dal 2003 il modenese e il ferrarese sono stati classificati come “zona sismica”. Come ci ha spiegato Romano Camassi, siamo passati da una sostanziale non classificazione a una “zona 3″, cioè un territorio a “medio rischio”, con un’attività sismica storica nota e capace, come abbiamo visto, di provocare danni ingenti. Ma non possiamo pensare a quella normativa come a una storia che prevede un prima e un dopo 2003. La situazione è molto più complessa.

Leggi e ascolta su rcdc.it