Tutta colpa di Piero Angela

“E’ successo quando avevo dieci anni e leggevo i libri di Piero Angela prendendoli in prestito dalla biblioteca del paese, a Bollate. Parlavano dei misteri dei buchi neri e io mi sono detta che da grande ne avrei svelato i segreti: avevo deciso che sarei diventata astronoma”. Daniela Vergani non ha mai deviato da quel proposito. Grazie alla tenacia e a “molti sacrifici” lo scorso anno è stata assunta come ricercatrice all’Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica di Bologna  dove ora si occupa di studiare la formazione e l’evoluzione delle galassie che popolano l’Universo. “A dirla tutta non ho mai davvero preso in considerazione un’altra strada. Forse non è del tutto sano!” Sa guardarsi con ironia, Daniela, e forse questo le permette di ripensare alle difficoltà della sua scelta con un sorriso: ha girato l’Europa, dall’Olanda al dottorato in Germania, passando per le Canarie a Parigi. “Chi me la fatto fare di rientrare in Italia nel 2005? Un fidanzato che cominciava a perdere la pazienza…”.

Leggi l’articolo completo su progettoinsider.it

Rispondi